53 progetti candidati, 4 città capoluogo coinvolte (Alessandria, Asti, Novara, Verbania) e 8 province rappresentate. Numeri record chiudono la call della quarta edizione del Premio Piemonte Innovazione, l’iniziativa di ANCI Piemonte nata nel 2017 per promuovere lo sviluppo dei territori attraverso la leva dell’innovazione. I termini di apertura del bando – rivolto a Comuni, Unioni di Comuni, Province, Città metropolitana ed Enti gestori dei servizi socio-assistenziali – scadevano alle ore 12 di oggi.

Cresce e si rafforza il valore sociale del progetto che si conferma un evento inclusivo, in grado di coinvolgere enti e realtà di peso e dimensioni diverse: dal Comune di Balmuccia (VC), il più piccolo dei partecipanti di quest’anno con poco più di 100 residenti, a quello di Novara, la seconda città del Piemonte con oltre 100 mila abitanti. La provincia maggiormente rappresentata è quella di Torino, con 21 progetti candidati. Seguono Cuneo (15), Alessandria (5), Asti (4), Biella (3), Vco (2), Vercelli (2), Novara (1).

Aumenta anche il montepremi che supera i 40 mila euro grazie alla collaborazione di importanti partner di progetto e ad investimenti sempre crescenti da parte dell’associazione dei Comuni.

Tre i riconoscimenti principali che l’ANCI Piemonte assegnerà quest’anno: un primo premio da 10.000 euro, un secondo da 6.500 euro e un terzo da 3.500.
A questi si aggiungono l’erogazione per un anno di un servizio Cloud (virtual machine e backup) da parte di BBBell, l’illuminazione artistica di un monumento offerta da Enel X, un premio in denaro di 5.000 euro della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, una giornata formativa online per tutti i partecipanti al premio offerta dal Gse, una colonnina no-touch per l’erogazione dell’acqua oltre a 1000 borracce termiche offerta da Smat e, infine, alcune menzioni speciali da parte dell’Intesa Sanpaolo Innovation Center.

In queste ore, intanto, si è insediata la commissione di esperti che si occuperà dell’analisi e della valutazione dei progetti. Presidente di commissione è il professor Cesare Emanuel, già rettore dell’Università del Piemonte Orientale e commissario della Fondazione Cariplo. Ne fanno altresì parte: Federico Costamagna in qualità di coordinatore di Commissione (Dipartimento della Funzione Pubblica), Andrea Alfieri (Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo), Daniela Damato (BBBell S.p.A.), Antea De Maria e Christian Sortino (Enel), Marisa Di Lauro (Smat), Claudio Lubatti (Intesa Sanpaolo Innovation Center), Giovanni Scrivanti (Fondazione Torino Wireless), Morena Ruscio (Gse), Antonio Veraldi (Forum PA).

Ancora da definire le modalità e la sede in cui si svolgeranno le premiazioni di quest’anno, dopo il successo degli eventi del 2017 e 2018 a Roma, in occasione di Forum Pa, e del 2019 ad Arezzo, nel contesto dell’assemblea nazionale dell’ANCI. Nelle scorse edizioni sono state oltre 150 le candidature giunte dall’intero territorio regionale, in rappresentanza di oltre l’80% della popolazione piemontese. Tra il 2017 e il 2019 assegnati riconoscimenti per circa 100 mila euro, tra contributi finanziari e servizi.