“Programmare la ripartenza del sistema di mobilità casa lavoro di milioni di cittadini è un fatto positivo. Più volte abbiamo chiesto di fare chiarezza sul sistema dei trasporti e della mobilità urbana ed extraurbana, soprattutto alla luce dell’annunciata ripresa della scuola in presenza. Contingenza che per tante famiglie incide notevolmente nella programmazione dei percorsi casa-lavoro”.

Lo afferma il presidente dell’ANCI, Antonio Decaro, che aggiunge: “Crediamo che investire risorse economiche senza dare ai Comuni la reale possibilità di accedervi per mancanza di tempo sia limite per tante amministrazioni. Se consideriamo la prima scadenza del 31 agosto con la maggior parte degli uffici pubblici depotenziati dalla concomitanza con il periodo di ferie rischiamo di lasciare fuori gran parte degli Enti locali da questa pianificazione. Chiediamo quindi al ministro Giovannini e ai tecnici del Ministero di valutare una proroga, almeno per quanto riguarda la fase di presentazione dei piani ai mobility manager di Area, con scadenza al 30 settembre. Così da avere il tempo di condividere tutte le esigenze in campo, tra famiglie, aziende e istituzioni, così poi da essere pronti per presentare le istanze di finanziamento”.

Ulteriori info sul decreto sono disponibili A QUESTO LINK.